Web Toolbar by Wibiya

Messaggi

Chi sono

Chi sono
Amabile Giusti si addormenta la sera sognando di scrivere, si sveglia la mattina con lo stesso chiodo fisso in testa, non è escluso che perfino davanti a un giudice, mentre perora una causa, la sua mente divaghi pensando a come plasmare una storia o finire un capitolo. È un tipo che ascolta molto e parla poco ma quando scrive non si ferma più...
Se volete farla contenta regalatele un saggio su Jane Austen, un ninnolo di ceramica (preferibilmente blu), un manga giapponese, o una piantina grassa (più spine ci sono meglio è). Preferibilmente tutti insieme. Spera di invecchiare lentamente (perché questo pare sia l’unico modo per vivere a lungo...) ma mai invecchiare dentro! Dentro avrà sempre un’età con poco passato e molto futuro e scarsa saggezza.

Seguimi

giovedì 22 agosto 2013

Giudizio complessivo dell'opera:


 

TITOLO: BLACK SHADOW
AUTORE: KATHERINE KELLER
EDIZIONI EBOOK AMAZON 2,99€ 
CARTACEO YOUCANPRINT euro 16,00
PAGINE: 338
SINOSSI UFFICIALE:
Alexander Blackwood è un demone spietato e senza scrupoli, abituato ad ottenere sempre ciò che vuole e quello che vuole è l'anima di Deny Grayson, una donna gentile e bella con un grande segreto: è una strega ed è in mortale pericolo.
Due realtà eternamente in conflitto fra loro, due nemici appartenenti a opposte fazioni. Il destino vuole che i due si incontrino e da quel momento le loro vite cambieranno.
Magia, seduzione, crudeltà sullo sfondo di una Scozia romantica quanto oscura.
Potrà l'amore tormentato del demone e della strega sconfiggere nemici potenti e pericolosi, disposti a tutto pur di raggiungere i rispettivi scopi?

"Voleva vivere per lui, per loro due, per abbattere tutte le barriere che li dividevano. Aveva trovato la sua ancora di salvezza, aveva trovato una ragione per sentire battere il suo cuore ogni singolo istante."

La mia opinione: 

Alzi la mano chi, dopo aver letto Black Shadow, non vorrebbe finire tra le braccia di quella mefistofelica ma affascinante ombra nera che è Alexander Blackwood!
Alelk è un demone davvero malvagio, figlio di famiglia quanto a crudeltà. Maschia bellezza, fascino che gronda, spudorata ricchezza e modi molto più che spudorati. Già le prime parole del romanzo mettono in chiaro una cosa: Alelk è fiero di sé, pieno di sé, è vecchio di millenni ma se li porta benissimo, e non si fa scrupoli quando si tratta di rubare anime, masticarle, sputarle, e lasciare in vita solo carcasse d’esseri umani, prive di qualsiasi moralità, e spesso nemmeno quelle. Come volergliene? Dopotutto segue la natura impostagli dall’essere il degno rampollo di suo padre, e, sebbene sembri paradossale, ha perfino un codice morale. Sa rinunciare quanto sente il profumo della vera rettitudine. Le sue vittime predilette sono anime già annacquate, anime sporche, anime marcescibili.
Però, come ogni demonio che si rispetti, ogni tanto non rifugge da una bella sfida. E quale sfida migliore del distruggere una donna dal cuore buono, che per giunta è una strega, categoria che da sempre detesta? Così, quando Denamora attraversa, letteralmente, la sua strada e la sua lunga esistenza, in Alelk si insinua uno strano imprevisto fuoco. Vorrebbe annientarla, ma allo stesso tempo vorrebbe salvarla. Gli basterebbe un istante per sgretolarla fra le sue dita come un fiore di gesso, eppure non lo fa. È solo il piacere di spaventarla? Di tenerla tra le spine roventi di una minaccia di dominio fisico e morte? O Deny è speciale, Deny è capace di far affiorare, sotto strati di antica perversità, un vero sentimento? Non è che il nostro demone, dopotutto, si sta trasformando da carnefice in vittima di qualcosa di molto pericoloso per uno della sua schiatta: l’amore tanto deriso?
Ciò che ho apprezzato di più di questo romanzo è l’ironia che lo permea. I dialoghi sono degni d’una sceneggiatura brillante, sono dinamici e divertenti. Quando Alek e Deny battibeccano, o quando il demone si scontra verbalmente col suo amico/nemico alato Shezeliel, un angelo dai modi tutt’altro che celestiali, poco meno bastardo del suo nero contraddittore, è come stare al cinema, o a teatro, a godersi lo scambio di battute fra due grandi protagonisti, nessuno dei quali vuole cedere all’altro il vantaggio dell’ultima parola.
Ho inoltre apprezzato il graduale evolversi dell’attrazione-empatia-amore-sesso. Prima che i due cedano alle tentazioni della carne, ne passerà di acqua sotto i ponti. Si conosceranno profondamente, e questo mi è piaciuto moltissimo: amo quando, in letteratura ( e nella vita) la carnalità è preceduta dalla penetrazione delle menti. Le tensione sensuale, le schermaglie, la seduzione, la promessa, possono essere più appassionanti del sesso e del possesso, che esaurisce tutto ciò che c’era da dire e spesso si limita a descrizioni anatomicamente improbabili. In Black Shadow non accade nulla di tanto scontato: anche l’incontro amoroso, che avviene quando è giusto che avvenga, non un secondo prima, è raccontato in modo elegante, ed è più una fusione di anime amanti che di corpi nudi e crudi.
Nella storia fa capolino in qualche scena il personaggio di Lance, il vampiro centenario che sarà protagonista del secondo volume della saga, Crimson Shadow. Bastano poche parole per far pregustare scintille anche su quel fronte e per far desiderare alla sottoscritta di saperne ancora di questo personaggio interessante.
Se volete una storia intrigante e spiritosa, in cui il male è condito da una provvidenziale dose di umorismo, il cui l’amore doma la perversità, senza che per questo Alelk diventi un’insopportabile mammoletta ( non perderà la sua faccia da schiaffi) tuffatevi nelle atmosfere gotiche  e spassose di Black Shadow. Non credevo fosse possibile fondere due aspetti dall’apparenza così contradditoria (ferocia e divertimento) e invece è possibile. Katherine Keller, efficace pseudonimo dietro il quale si nascondono le due bravissime e prolifiche autrici Angela Contini e Patrizia Zinni, ci riesce molto bene, lasciandoci con il desiderio di leggere molto di più di questo mondo di demoni, vampiri, angeli e streghe che alla fine, a dispetto di anni di guerre, sangue versato e vite spezzate, hanno un cuore e sanno imparare a usarlo pur mantenendo la propria natura fondamentale.
Dunque, miss Katherine, si sbrighi a sfornare il prossimo capitolo della saga, e quello dopo ancora, che qui c’è gente impaziente e incapace di resistere alle tentazioni dei suoi personaggi trascinanti e dei suoi dialoghi al fulmicotone.

10 commenti:

Eilan Moon ha detto...

Cosa dire? condivido tutto appieno! con delle parole che volano nella mente come solo la nostra Amabile sa fare colpisce al cuore! Grazie a Katherine Keller che ci fa ridere e sognare e ad Amabile che ci ricorda sempre che solo lei sa andare dritta al cuore!

Nicol Macchia ha detto...

Bella recensione e mi ha messo molta curiosita sul libro.

Patty Mar ha detto...

Lo ammetto, la tua recensione mi ha emozionata in modo incredibile. Stimo il tuo lavoro, ti considero un'autrice immensa e vedere con quanto amore hai parlato del nostro Black, mi riempie di orgoglio e felicità. Non scorderò mai la tua recensione, le tue parole preziose e la gentilezza. Grazie con tutto il cuore.

Lara ha detto...

si è in WL, si lo devo assolutamente leggere,continuate a dirne meraviglie ed io ho già una lista infinita di letture arretrate!!! dovrei rinunciare a dormire la notte peccato che mi piaccia così tanto dormire!!!

Simona T. ha detto...

Wow che recensione. Mi è venuta una voglia pazza di leggere questo libro *-*

Franci ha detto...

Beh, dopo aver letto questa bella recensione e molte altre più che positive, direi che sono curiosissima di scoprire questo romanzo... ;) Lo leggerò presto anch'io...

Angela C. Ryan ha detto...

Non mi resta che aggiungere il mio grazie di cuore. Per amabile e per la sua splendida recensione, letta al mare, e che mi ha emozionato così tanto che mi sono dimenticata dei piedi nudi sulla sabbia bollente. E poi a voi tutte ragazze, per il vostro interessamento. Speriamo di essere sempre all'altezza della situazione! *_*

Angela C. Ryan ha detto...

E sono ancora talmente rinco che ho scritto Amabile con la lettera minuscola XD

Lidia ha detto...

Bellissima recensione condivido tutto. Amo Alelk e Deny e questo libro è consigliatissimoo per quei due o tre che non l'hanno ancora letto.

cooksappe ha detto...

voto pieno! bene! :)

Traduttore

Lettori fissi

Il mio banner

Per condividere il bannerino da me creato dovete solo prelevare il codice qui sotto: (per copiare il codice del banner cliccate all'interno della casellina di testo e premete sulla tastiera ctrl+a per copiare, e poi ctrl+c per incollare il codice dove volete voi)

Visualizzazioni